Il Monte Guglielmo da Zone

La meta una fra le pi classiche per i bresciani, che chiamano questo monte "Golem". Questo itinerario quello che parte da Zone sopra il lago d'Iseo (ci si arriva da Marone, ma dalla nuova tangenziale c' l'uscita diretta) e pi diretto rispetto al classico che passa dalla Croce di Marone. Le fotografie che vedrete si riferiscono al sentiero fatto in pieno inverno (nonostante la neve fosse veramente poca per la stagione).
La partenza dal piccolo parcheggio subito fuori dal paese (si passa a fianco della Chiesa e del Battistero e si gira a destra, uscendo poi dal paese). All'inizio del sentiero, c' il caratteristico "Bosco degli gnomi", con decine di sculture ricavate dai tronchi d'albero che popolano il bosco. Il sentiero parte subito ripido su una mulattiera seguendo il segnavia CAI 227 (non sono mai indicati i tempi sui cartelli). Durante la prima parte (ripida su mulattiera), c' la possibilit di tagliare i tornanti risparmiando parecchio tempo e senza aumentare di molto la pendenza, grazie al sentiero 227A. Ad un certo punto si pu tagliare anche con il sentiero numero 230 (dell'Uccellatore), che vi permette di risparmiare parecchio tempo. Si passa per la Baita Casentiga a 1406 metri, sotto il Corno del Bene e si passa vicino ad una pozza d'alpeggio. Ci si ricollega successivamente con il sentiero che sale dalla croce di Marone e che porta al rifugio Almici a 1861 metri. Da qui si gira a destra (siamo ormai anche sul sentiero 3V) e si raggiunge in 15 minuti la sommit del Guglielmo con il Monumento del Redentore e quello a Paolo VI. Sotto il redentore c' una stanza sempre aperta che fa da rifugetto (non attrezzata con nulla; vi sono soltanto un paio di panche di legno). La vista spazia dalle prealpi all'arco alpino, dal lago di Garda (e naturalmente quello sottostante d'Iseo) alla pianura. Nelle giornate limpide la vista arriva al Monte Bianco ed al Cervino.

Il Guglielmo molto adatto anche per escursioni invernali, sia con le ciaspole che con gli sci d'alpinismo.

 

guarda le fotografie del percorso al Monte Guglilmo
scattate il 7 gennaio 2007